azsociale logo

azsociale logo

Azione Sociale - Acli - Sabato, 22 Ottobre 2022

Tacciano le armi. Negoziato subito! - Narni Scalo - Acli Terni (TR)

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha
già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con
drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso
al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia
europea e globale.
Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e
dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare.
Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora
iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali
che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.
Occorre invece che il nostro paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il
negoziato e avviino un percorso per una conferenza internazionale di pace che, basandosi sul
concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.
Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per
la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo
tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello
russo, delle istituzioni internazionali.
La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad
essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti
da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei
negoziati.
Questo sentimento maggioritario nel paese è offuscato dai media mainstream ed è non
rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare
politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale.
Per questo – a otto mesi dall’inizio della guerra – promuoviamo una nuova giornata nazionale di
mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il Paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI,
NEGOZIATO SUBITO!

Tacciano le armi. Negoziato subito! - Acli Catania (CT)

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e globale.

Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare. Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.

Occorre invece che il nostro paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato e avviino un percorso per una conferenza internazionale di pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.

Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello russo, delle istituzioni internazionali.

La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei negoziati.


Questo sentimento maggioritario nel paese è offuscato dai media mainstream ed è non rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale.


Per questo – a otto mesi dall’inizio della guerra – promuoviamo una nuova giornata nazionale di mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il Paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI, NEGOZIATO SUBITO!

Tacciano le armi. Negoziato subito! Acli Cosenza (CS)

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha
già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con
drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso
al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia
europea e globale.
Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e
dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare.
Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora
iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali
che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.
Occorre invece che il nostro paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il
negoziato e avviino un percorso per una conferenza internazionale di pace che, basandosi sul
concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.
Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per
la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo
tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello
russo, delle istituzioni internazionali.
La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad
essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti
da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei
negoziati.
Questo sentimento maggioritario nel paese è offuscato dai media mainstream ed è non
rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare
politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale.
Per questo – a otto mesi dall’inizio della guerra – promuoviamo una nuova giornata nazionale di
mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il Paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI,
NEGOZIATO SUBITO!

Tacciano le armi. Negoziato subito! Circolo Acli Talamona (SO)

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha
già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con
drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso
al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia
europea e globale.
Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e
dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare.
Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora
iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali
che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.
Occorre invece che il nostro paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il
negoziato e avviino un percorso per una conferenza internazionale di pace che, basandosi sul
concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.
Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per
la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo
tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello
russo, delle istituzioni internazionali.
La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad
essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti
da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei
negoziati.
Questo sentimento maggioritario nel paese è offuscato dai media mainstream ed è non
rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare
politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale.
Per questo – a otto mesi dall’inizio della guerra – promuoviamo una nuova giornata nazionale di
mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il Paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI,
NEGOZIATO SUBITO!

Tacciano le armi. Negoziato subito! - Acli Asti (AT)

Verso una conferenza internazionale di pace

 

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e globale.

Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare.

Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.

Occorre invece che il nostro paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato e avviino un percorso per una conferenza internazionale di pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.

Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per la popolazione. Non c ‘è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello russo, delle istituzioni internazionali.

La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei negoziati.

Questo sentimento maggioritario nel paese è offuscato dai media mainstream ed è non rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale.

Per questo – a 150 giorni dall’inizio della guerra – promuoviamo per il 23 luglio una giornata nazionale di mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI, NEGOZIATO SUBITO!

Tacciano le armi. Negoziato subito! - Acli Torino (TO)

Acli Torino aderisce alla mobilitazione diffusa di Europe for Peace e assieme a tutte le associazioni della rete organizza un corteo per la Pace a cura di Coordinamento AGiTe a cui stanno aderendo molte realta' del territorio (lista in aggiornamento).
Per informazioni e adesioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ritrovo ore 16 in P.za Carignano e conclusione in P.za Castello intorno alle 18.

Fermate la guerra: negoziato subito. L’ONU convochi una Conferenza Internazionale di Pace
Ritorna la mobilitazione diffusa di Europe For Peace: dal 21 al 23 ottobre di nuovo nelle piazze di tutta Italia
La coalizione Europe for Peace, formata dalle principali reti per la pace in Italia con l’adesione di centinaia di organizzazioni, profondamente preoccupata per l’escalation militare che ha portato il conflitto armato alla soglia critica della guerra atomica, torna di nuovo nelle piazze italiane per chiedere percorsi concreti di Pace in Ucraina e in tutti gli altri conflitti armati del mondo.

Un nuovo passo comune che avviene dopo l’importante mobilitazione dello scorso 23 luglio (con 60 città coinvolte) e l’invio di una lettera al Segretario Generale ONU Guterres in occasione della Giornata della Pace per un sostegno ad azioni multilaterali, le uniche capaci di “portare una vera democrazia globale, a partire dalla volontà di pace della maggioranza delle comunità e dei popoli”. E dopo la quarta Carovana “Stop The War Now” recentemente rientrata dal Kiev dove ha portato il sostegno della società civile italiana ad associazioni ed obiettori di coscienza ucraini, oltre che nuovi aiuti umanitari.

Nel testo sottoscritto dalle aderenti di Europe for Peace si sottolinea come “l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata” portando conseguenze nefaste “anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e globale”. Ribadendo la vicinanza alle popolazioni colpite dalla guerra si ricorda poi come occorra cercare “una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali” sottolineando come invece sia necessario “che il nostro Paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato avviando un percorso per una Conferenza internazionale di pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro”. Anche alla luce delle rinnovate ed inaccettabili minacce nucleari.

Rilanciata anche la posizione di base del movimento pacifista italiano fin dall’inizio del conflitto ucraino: “Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace” e per tale motivo viene proposta una nuova occasione nazionale di mobilitazione per la pace, con uno chiaro obiettivo: “TACCIANO LE ARMI, NEGOZIATO SUBITO! Verso una Conferenza internazionale di pace”.

Concerto di beneficenza - Circolo Acli Wohlen e Acli Baden - (CH)

Il Comune di Wohlen ha conferito alle Acli il “Premio Cultura 2022”, un atto che premia il ruolo di servizio e di mediazione culturale che l’associazione svolge da un cinquantennio, molto spesso a stretto contatto con le Istituzioni locali.

La cerimonia di consegna del premio si svolgerà sabato 22 ottobre in occasione del Concerto di beneficenza che andrà in scena nella Chiesa San Leonardo di Wohlen.

Il ricavato del concerto sarà devoluto – nell’ambito del Progetto di solidarietà delle Acli Argovia - all’associazione internazionale “Save the Children”, impegnata affinché ogni bambino cresca sano, abbia accesso all’istruzione, sia protetto dalla violenza e dallo sfruttamento, dai disastri e dalle guerre. Nella fattispecie in favore dei bambini in Ucraina.
Invitiamo tutte e tutti a partecipare numerosi per testimoniare solidarietà ai più piccoli, i bambini, vittime indifese e incolpevoli delle tragedie umane create dagli adulti.