azsociale logo

azsociale logo

Nelle onde - Acli Modena (MO)

"Nelle onde" È l'incontro che le Acli Provinciali di Modena aps hanno fortemente voluto per affrontare insieme a Don Mattia Ferrari, cappellano di Arcidiocesi Modena Nonantola e di Mediterranea Saving Humans; David Yambo, attivista di Refugees-in Libya il tema dei diritti umani, dei profughi, del memorandum di intesa tra Italia e Libia, giunto al quinto anno di operatività e ascoltare la loro testimonianza.
A intervistarli Laura Solieri, giornalista e collaboratrice della Gazzetta di Modena. Ingresso libero.

Nelle onde - Acli Modena (MO)

Le Acli Provinciali di Modena, in collaborazione con Mediterranea Saving Humans, organizzano un incontro aperto al pubblico con Don Mattia Ferrari, parroco dell’Arcidiocesi di Modena e Nonantola e cappellano di bordo della Mar Ionio, e con David Yambo, attivista di Refugees in Libya. A moderare l’incontro Laura Solieri, giornalista e collaboratrice della Gazzetta di Modena. 

“Nelle Onde”, questo il titolo dell’iniziativa, sarà l’occasione per affrontare il tema del memorandum di intesa tra Italia e Libia, giunto al quinto anno di operatività, ascoltare la testimonianza diretta delle condizioni dei profughi e dell’attività delle ONG, ma soprattutto comprendere come Don Mattia Ferrari e David Yambo abbiano visto cambiare la propria vita facendosi voce degli ultimi in mezzo alle onde della paura e del razzismo.  

Disobbedisco e accolgo - Don Biancalani

Perchè le Acli di Firenze presentano questo libro? 

Perchè Don Biancalani ha reso la chiesa pistoiese di Santa Maria Maggiore a Vicofaro un vero e proprio centro di accoglienza, andando a raccogliere l’appello ad aprire le porte lanciato da Papa Francesco e facendo affidamento sul sostegno di tanti volontari. La sua parrocchia è diventata un “ospedale da campo per migranti” e ha costituito una comunità orientata al ricovero, al sostegno e all’assistenza, con un progetto che nel corso degli anni ha trovato difficoltà, ostacoli, rischi, impedimenti burocratici e gestionali, oltre a recriminazioni, insulti e minacce. L’esperienza di Vicofaro è però continuata senza sosta, con don Biancalani che ha più volte ribadito come la sua disobbedienza civile fosse un’arma per affermare la giustizia sociale, per combattere contro leggi non giuste, per difendere l’umanità e il Vangelo. 

Perchè il libro “Disobbedisco e accolgo” pubblicato da San Paolo Edizioni e aperto dalla prefazione di Diego Zoro Bianchi, sintetizza l'esperienza di Vicofaro e costituisce un manifesto del pensiero e dell’azione del sacerdote pistoiese che trova il proprio perno nel messaggio evangelico “Ero straniero e mi avete accolto”.

Le problematiche di accoglienza e integrazione sono da tempo al centro delle riflessioni dell'universo aclista. Presentando questo libro - spiega Luigi Scatizzi, presidente delle Acli Arezzo - proponiamo una testimonianza forte per far riflettere e per non lasciare indifferenti.